Il bosco incantato di Fontegreca

Matese Adventures
In canoa sul lago del Matese
14 Maggio 2019
Alban Michon, la creatura dei ghiacci
25 Novembre 2019

Zaino in spalla, borraccia e scarponcini. Ritorno a Fontegreca!

Osservo il bosco incantato da qualche anno, precisamente da quattro. E mi rendo conto di quanto sia morfologicamente cambiato.

La cipresseta di Fontegreca si trova nella coda del Massiccio del Matese che va verso Nord, in direzione del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, e che affaccia sul Volturno.

Siamo nel Parco Nazionale del Matese, in Campania, provincia di Caserta. Italia del Sud.

Erroneamente è chiamata “bosco degli zappini”. Sap(p)inus, dal latino varietà di pino. Sapin, dal francese abete. La parola zappino, quindi, non è tanto riferita al cipresso, quanto al territorio nominato così dai pastori matesini che negli anni hanno ufficializzato il toponimo.

La cipresseta fu piantata da monaci eremiti tra il V e il VII secolo; e oggi è qui, davanti a me, a bucare le nuvole e il vento, e fermare il cielo limpido del Matese.

L’arrivo dei barbari moderni la lascia dolorante, ne vedo i segni su alcuni tronchi e rami che non appaiono rigogliosi alla luce del sole. Ma affaticati. E tutto ciò mi rattrista mentre cammino.

Il bosco incantato è, adesso, un’area pic nic, gestita dal Comune di Fontegreca, che cura il luogo. Ma mi chiedo se è giusto, in un paese di ottocento abitanti, che ha il privilegio della posizione geografica e la piaga dell’emigrazione, creare lavoro aprendo le porte agli Attila che arrivano con le macchine il fine settimana fin sopra la cipresseta, attraversando acrobaticamente le viuzze del borgo, e imbrattando le cascate del fiume Sava e le piscine naturali in cui ci si può tuffare e specchiare in pace. Quanti anni resteranno alla cipresseta se continuerà, suo malgrado, ad accogliere disumani?

La donna dell’unica osteria del borgo dice: «Se devono venire e lasciare immondizia dappertutto, è meglio se ritorniamo a quando eravamo solo noi a Fontegreca».

Andateci solo se siete coscienti che il bosco è un luogo sacro!

19 Comments

  1. Burl Duggins ha detto:

    I have recently started a blog, the info you provide on this website has helped me tremendously. Thank you for all of your time & work.

  2. Rubin Ricciardelli ha detto:

    I simply want to say I am just very new to weblog and really savored this blog site. Very likely I’m going to bookmark your website . You certainly come with perfect article content. Kudos for sharing your web-site.

  3. Salvatore Colinger ha detto:

    I simply want to say I’m very new to weblog and certainly liked you’re website. Very likely I’m want to bookmark your site . You surely have superb stories. Thank you for revealing your web page.

  4. 제주안마 ha detto:

    I love it when folks come together and share ideas. Great site, continue the good work!

  5. I really loved this content and will be back to see more Love it!

  6. It’s not my first time to go tto see this web page, i am visiting this weeb site very often and take good facts from here.

  7. Sean Taylor ha detto:

    Enjoy your blog. I’ll return to see more of your blog. Great stuff!

  8. We are a group of volunteers and starting a new scheme in our community. Your site provided us with valuable information to work on. You have done an impressive job and our entire community will be grateful to you.

  9. Hello there! This blog is awesome! We’ll be back to see some more. Thank you so much.

  10. gaming news ha detto:

    There is definately a great deal to learn about this topic. I love all of the points you have made.

  11. I love it when people come together and share views. Great website, keep it up!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *